Essere pieno di difetti non è una cosa tanto malvagia.
I pregi non mi sono mai piaciuti. Li trovo noiosi così come trovo noiose le persone virtuose, quelle a modo, quelle sempre educate, che non dicono mai una parola fuori posto, che non bevono, non fumano, non smoccolano in pubblico, che non si incazzano mai, che sono sempre pazienti, coerenti, retti.
Che palle!
I difetti hanno qualcosa di affascinante, arricchiscono la personalità, la rendono "speciale". Non per niente, come detto, ne sono strapieno!
Ce n'è uno che però mi è sempre mancato del tutto: la golosità. Non sono mai stato goloso. Nè di cibo, nè di dolci.
Cannoli, cassate e cioccolatini non hanno mai corso rischi in casa mia.

Nella vita però si cambia, anche se si è passati gli "anta" da un pò...
A me è successo in queste ultime settimane. Costretto a casa dalla mia solita maledettissima schiena, insofferente e dolorante sia seduto che sdraiato che in piedi ho trovato quasi per caso un'alternativa alle crapate sul muro: gli anacardi!
Erano lì da un pò, in quel barattolo verde-anonimo dentro la credenza. Ma sì, ne prendo un paio giusto per... amore istantaneo!!! Non che fino a quel momento non mi fossero mai piaciuti... ma da allora in poi non riesco più a farne a meno.
La mia patologia si chiama "anacardipendenza" (in forma grave).
Voglio anacardi la mattina quando mi sveglio, dopo il caffè, prima e dopo pranzo, per merenda e fra la merenda e la cena, dopo cena e prima di andare a dormire.
E se la notte mi sveglio per qualche motivo: due anacardi, un sorso d'acqua e si torna a ninna...
Se non ho il barattolo mezzo pieno non riesco a stare tranquillo e mi ritrovo a telefonare a qualcuno per farmeli portare.

Purtroppo però la nostra è una società bastarda, popolata da loschi individui egoisti e talmente privi di scrupoli da arrivare a rubare i miei anacardi fin dentro il barattolo!
E già, io me ne accorgo subito, anche se ne mancano un paio.
C'è qualcuno che si diverte alle mie spalle, incurante della mia dipendenza e della mia sofferenza.
Ma la pagherà!
Un rapido giro su Internet mi fa recedere dall'idea iniziale di acquistare tecnologicissimi sistemi antifurto satellitari o rilevatori quantici di movimento: i soldi sono pochi e mi servono per gli anacardi...
Che fare?
Preparare una bella trappolona, che altro!
Dopo una mezzoretta scarsa di armeggio ecco pronta la scena del (futuro) crimine:

scena del futuro crimine

Apparentemente nulla di strano, vero?
Se si osserva bene non si può non notare quel barattolino verde lì sul ripiano... l'esca!

Guardando ancora meglio:

occhio del falco

Ta dà! L'occhio del falco puntato sull'esca!!!
Un flash improvviso mi ha ricordato del mio Raspberry Pi di riserva (modello B - 256M RAM) che tengo da parte per qualsiasi cazzeggio mi venga in mente. È bastato mettergli accanto la mia unica e scadente webcam da due soldi e dal cazzeggio si è passati alle cose serissime in un baleno!!!
Il progetto e l'assemblaggio del trappolone sono stati di una complessità non indifferente (sconsiglio a chiunque di cimentarsi) ma i risultati, per fortuna, di altissimo livello sia estetico che tecnologico:

collage trappolone

Aehm...

Tirato su l'accrocchio la prima idea è stata quella dello stream dalla webcam.
MJPG-Streamer è il software che mi è sembrato più indicato visto quant'è ridicolmente esoso di risorse.

Per installarlo basta procurarsi qualche pacchetto utile, scaricare i sorgenti e compilarli:

root@raspberrypi:~# apt-get install imagemagick libjpeg8-dev libv4l-dev
root@raspberrypi:~# svn co https://mjpg-streamer.svn.sourceforge.net/svnroot/mjpg-streamer mjpg-streamer
root@raspberrypi:~# cd mjpeg-streamer/mjpg-streamer
root@raspberrypi:/mjpeg-streamer/mjpg-streamer# make USE_LIBV4L2=true clean all
root@raspberrypi:/mjpeg-streamer/mjpg-streamer# make DESTDIR=/usr install

Per avviare lo stream:

root@raspberrypi:~# mjpg_streamer -i "/usr/lib/input_uvc.so" -o "/usr/lib/output_http.so -w /var/www/mjpg_streamer -n"

Puntando il browser all'indirizzo http://ip-server:8080/?action=stream ci si potrà godere il risultato di tanta fatica.

Ecco un semplicissimo script di init per far partire mjpg_streamer al boot:

#!/bin/sh
# /etc/init.d/mjpgstreamer
### BEGIN INIT INFO
# Provides:          mjpgstreamer
# Required-Start:    $network
# Required-Stop:     $network
# Default-Start:     2 3 4 5
# Default-Stop:      0 1 6
# Short-Description: mjpgstreamer init script
# Description:       Streams webcam to http://ip-server:8080/?action=stream
### END INIT INFO

tmsg(){
        echo "[+] $1"
}

case "$1" in
    start)
        tmsg "Starting mjpgstreamer"
        mjpg_streamer -i "/usr/lib/input_uvc.so" -o "/usr/lib/output_http.so -w /var/www/mjpg_streamer -n" > /dev/null 2>&1 &
        sleep 2
        tmsg "mjpgstreamer started"
        ;;
    stop)
        tmsg "Stopping mjpgstreamer..."
        killall mjpg_streamer
        tmsg "mjpgstreamer stopped"
        ;;
    restart)
        tmsg "Restarting daemon: mjpgstreamer"
        killall mjpg_streamer
        mjpg_streamer -i "/usr/lib/input_uvc.so" -o "/usr/lib/output_http.so -w /var/www/mjpg_streamer -n" > /dev/null 2>&1 &
        sleep 2
        tmsg "Restarted daemon: mjpgstreamer"
        ;;
    status)
        pid=`ps -A | grep mjpg_streamer | grep -v "grep" | grep -v mjpg_streamer. | awk '{print $1}' | head -n 1`
        if [ -n "$pid" ];
        then
            tmsg "mjpgstreamer is running with pid ${pid}"
        else
            tmsg "mjpg_streamer is not running"
        fi
        ;;
    *)
        tmsg "Usage: $0 {start|stop|status|restart}"
        exit 1
        ;;
esac
exit 0

Ovviamente è anche necessario:

root@raspberrypi:~# chmod +x /etc/init.d/mjpgstreamer
root@raspberrypi:~# update-rc.d mjpgstreamer defaults

Dopo circa 16 ore piantato davanti al monitor in attesa di eventi (con l'encefalogramma che si appiattiva sempre di più)... ho realizzato che forse solo dello stream non me ne sarei fatto un fico secco, visto che sarei stramazzato al suolo di lì a poco... e mi è venuto in mente motion!
Passando a motion lo stream di mjpg_streamer e configurandolo a dovere punto dritto all'obiettivo di rilevare qualsiasi movimento sospetto vicino al barattolo dei miei anacardi, registrare le immagini e farmi inviare dal Raspberry un'email di allerta.

Motion è presente nei repository di Debian e quindi la sua installazione la si può affidare più che tranquillamente ad apt.
Quello su cui è interessante intervenire sono i parametri di configurazione presenti nel file /etc/motion/motion.conf. Quel file è commentato in tutte le sue parti e quindi perfettamente comprensibile.
Per le mie esigenze questi sono stati i parametri che ho attenzionato e, se necessario, cambiato rispetto ai valori di default:

...
input 8
netcam_url http://ip-server:8080/?action=stream 
...
output_all off
output_normal on
...
ffmpeg_cap_new off
...
target_dir /mnt/nas/motion
...
webcam_port 8081
webcam_motion off
webcam_localhost off
control_port 443
control_localhost off
...

(Qui l'elenco completo di tutti i parametri)

Per quanto riguardo l'email di allerta, sempre al file /etc/motion/motion.conf, ho aggiunto:

on_event_start /usr/local/bin/sendalert.sh

Dove /usr/local/bin/sendalert.sh è uno script appositamente preparato per l'invio dell'email.
In questo modo il sistema mi notificherà ogni "movimento" sospetto. Le foto, così come stabilito in motion.conf, saranno conservate in una directory di rete montata in /mnt/nas/motion.

Felice di non dover rimanere altre sedici ore a rincoglionirmi davanti al monitor, riavvio mjpg_streamer e motion e vado serenamente a cercare di dormire. Miracolosamente ci riesco pure!
L'indomani mattina mi sveglio un pò più tardi del solito. Fuori il sole splende e moglie e figli sono già usciti. Controllo la posta e... BUM!
L'email di allerta è arrivata!
Mi fiondo con tutto il pigiama sul mio NAS e...

conte dracula

BECCATO!!!

Cerco in giro prove dell'effrazione, qualche impronta di scarpa oppure digitale, un capello, una traccia di dna ma... niente di niente.
Le uniche cose che trovo sono la maschera e il barattolo ormai vuoto buttati per terra vicino alla finestra della stanza dei miei figli...
Evidentemente il ladro è scappato da lì. Certo è strano che abbia chiuso la finestra agendo sulla maniglia interna dopo essere uscito... Chissà come ha fatto...
Non lo so, ci penserò un'altra volta, adesso... adesso sono già in astinenza...

VOGLIO I MIEI ANACARDIIIII !!!!