google

La privacy ai tempi di Google

Dal 1° Marzo 2012 entreranno in vigore le nuove policy sulla privacy per i servizi di Google.
Già da un pò il gigante di Mountain View sta pubblicizzando gli (ormai) imminenti cambiamenti sia sulla home page del suo motore di ricerca che in mille altri modi.
Lo sforzo "divulgativo" è sicuramente degno di plauso. Siamo troppo abituati ai cambiamenti "nascosti" dei servizi web che quotidianamente utilizziamo per non apprezzare, per lo meno, questo tentativo di spacciare "trasparenza"...

Microcensure e invasioni barbariche

C'è una notizia che sta suscitando clamore in questi giorni in rete: Twitter, la famosa piattaforma di microblogging, ha annunciato sul proprio blog che comincerà a eliminare determinati contenuti utente su base nazionale.
In soldoni: se Pincowski Pallinovic, cittadino russo, twitta che a Vladimirone nostro puzzano i piedi... Twitter accorre solerte e rimuove quel messaggio sovversivo ma solo in Russia.
In altre parti del mondo invece no, esso continuerà ad essere visibile.

Occhio ai colpi di TOS

L'estate è definitivamente esplosa.
Le spiagge brulicano di signorine smutandate, giovanotti glabri e muscolosi, attempati impiegati panzuti, sfacciate casalinghe con l'adipe fasciato in leopardeschi mini tanga.
Un florilegio di corpi seminudi e sudaticci, atmosfere sature di ormoni e di odori speziati, sudori e olii abbronzanti, spellature e fitness, tormentoni musicali e notti folli, condizionatori sparati al massimo e blackout elettrici.

Occhi bendati mani legate

Negli ultimi anni la diffusione sempre più capillare degli accessi al web, della banda larga e dei circuiti peer to peer ha spinto i grossi nomi dell'industria dell'intrattenimento (majors discografiche, cinematografiche, etc.) a tentare di rafforzare i propri diritti in materia di proprietà intellettuale per difendere i propri modelli di business all'interno di un mercato, come quello elettronico, in fortissima espansione.